Italy Uk
I Social Media oggi: come usarli al meglio
25 gennaio 2017
Social_media-marenghi

Oggi andiamo alla scoperta di Fondamenti di social media marketing e comunicazione digitale, il prossimo corso del ciclo formativo di Non Riservato, tenuto da Mariana Marenghi, esperta di comunicazione digitale.

Si parlerà di pianificazione di strategie e piani di comunicazione efficaci, di gestione e sponsorizzazione sui canali social, di promozione online e di molto altro ancora.

Ecco qualche anticipazione.

Cosa si intende per "web identity” e chi può mirare a costruirne una?
Quando parliamo di web identity pensiamo subito alla presenza on line e alla identità social che, oggi, hanno aziende, marchi, prodotti o personalità pubbliche.
Dal profilo social, al sito aziendale, ogni traccia di noi in rete è, e crea, web identity. In realtà è qualcosa di più complesso.
Questo termine raccoglie tutte le azioni che noi facciamo direttamente on line, dal pubblicare social post all'avere un blog in cui parliamo di noi stessi e di quello che facciamo, ma anche tutto quello che gli altri dicono di noi, dai like e dislike sui nostri profili, ai commenti e menzioni che il nostro brand raccoglie ogni giorno in rete e via discorrendo.
Quindi, quando parliamo di web identity parliamo di un complesso e articolato sistema di rapporti, conversazioni, interazioni tra noi e il nostro pubblico e follower. Un sistema che deve essere curato, seguito e, soprattutto, ascoltato.

Quali sono gli elementi fondamentali per una buona strategia dei contenuti?
Si possono distinguere due tipologie di fattori: una strutturale, tecnica, basata sulla costanza del lavoro quotidiano, che parte dagli obiettivi che vogliamo raggiungere e usa strumenti e tools specifici; un'altra, invece, che io amo chiamare umana, parte dalla considerazione che noi (azienda, brand, prodotto, profilo pubblico) abbiamo del nostro pubblico e dalla capacità di ascoltarlo ogni giorno.
In relazione a quello che noi facciamo, produciamo, narriamo e sosteniamo on line, ma anche e soprattutto nella vita reale.
Durante il corso approfondiremo entrambi gli aspetti, inquadrandoli in quella che viene chiamata strategia e che prende corpo in un vero e proprio piano di azione, in grado di dare, alla nostra comunicazione, sia una spinta di qualità, sia dei risultati effettivi a livello qualitativo.

Durante il corso, si prenderanno come esempio dei case studies? Se sì, quali?
Il corso prenderà spunto da casi reali, curati direttamente dalla mia agenzia, e casi "storici" a cui guarderemo come ad una best practis dell'operare on line.
Ma, soprattutto, affronterà praticamente i principali strumenti dell'operare in rete, per creare una propria web identity e per realizzare i propri obiettivi di marketing.
Insieme vedremo come e cosa fare sia sulle piattaforme social più diffuse, sia su siti e blog aziendali e personali. E, soprattutto, capiremo insieme il dove e il quando del nostro lavoro on line.

Qual è l’aspetto più interessante del lavorare “in rete”?
Molti sostengono, ed è opinione comune, che il lavoro in rete, la presenza on line, sia il principale artefice dell'impoverimento delle nostre comunicazioni personali. E, a dirla tutta, il fatto di avere contatti solo virtuali con gente che magari non si è mai neppure vista fisicamente, la possibilità di creare identità fittizie, di raccontare una verità mistificata, può indurre a quest'idea e fare paura a molti.
Ma come spesso accade, è necessario guardare il problema da un'altra prospettiva, per capirne le molteplici sfaccettature. Se utilizzo i social e gli strumenti on line semplicemente come una vetrina dove mettere alla berlina, o sbandierare ai quattro venti tutto il bello e il buono di cui sono capace, non otterrò nulla in cambio. Sarò come una voce che grida nel deserto. Ma alla rete, il deserto non piace!
La rete è fatta di persone fisiche, di relazioni umane e di verità. La rete brama la condivisione e la conoscenza dell'altro, desidera conversare come quando, davanti ad una birra, o ad un tè, facciamo quattro chiacchiere con i nostri migliori amici. Se la vediamo sotto questo punto di vista, capiamo subito cosa contraddistingue e rende interessante il lavorare "in rete" e abbiamo subito chiaro qual è il peso "umano" della comunicazione in rete. Molto più umana di quella tradizionale a cui siamo oramai abituati.
E come dicevano i nostri amici del Cluetrain Manifesto, Le conversazioni tra esseri umani suonano umane. E si svolgono con voce umana.”. Anche, e soprattutto, in rete.

Il corso inizia lunedì 6 febbraio alle ore 19:00. Ti aspettiamo!
CLICCA QUI per conoscere il programma completo dei corsi!

Giulia Di Cio

<-- Torna al blog...