Italy Uk
Quali sono i migliori spazi pubblici realizzati negli ultimi anni?
31 maggio 2016
Escaravox__madrid

Sarà assegnato solo il prossimo 4 luglio al CCCB di Barcellona, l'European Prize for Urban Public Space 2016, prestigiosa competizione biennale organizzata da 7 istituzione europee con l'obiettivo di riconoscere e incoraggiare i progetti per la difesa dello spazio pubblico nelle nostre città, ma è già possibile curiosare tra i 25 progetti finalisti, selezione dei migliori interventi realizzati in Europa tra il 2014 e il 2015.

A dimostrazione di come lo spazio pubblico stia riconquistando una crescente importanza come indicatore della salute della democrazia nelle nostre città, ben 276 sono state le candidature arrivate alla giuria internazionale del premio, 33 i paesi rappresentati.

Con i suoi 28 progetti presentati - testimonianze di trasformazioni in corso lungo tutta la Penisola, da Potenza a Trieste - l'Italia è il secondo paese, dopo la Spagna (con i suoi 64 progetti) per il numero di candidature. Nessuno tra i progetti italiani è tra i finalisti, ma in ogni caso è un bel segnale della vivacità nel ripensare gli spazi pubblici che sta contagiando città grandi e piccole.

Vi consigliamo di dare un'occhiata sia ai progetti finalisti che a quelli candidati sul sito www.publicspace.org. Ci sono brillanti esempi di rinascita di piazze come luoghi di dialogo e scambio, come Escarvox (Voice-giving square with rolling devices) a Madrid. Escarvox è un sistema di strutture su ruote, dotate di video proiettori, sound systems, computer, pannelli fotovoltaici e altri elementi di arredo adattabili, ideato per dare alla gente la possibilità di realizzare attività che altrimenti accadrebbero in privato. L'accesso a tutto l'equipaggiamento è aperto a tutti e mediato da due agenti del Comune di Madrid.

Se invece amate le grandi altezze e le lunghe passeggiate, una possibile meta per il futuro potrebbe essere il nuovo, avveniristico e vertiginoso ponte con pista ciclabile, Cycleways Network between Santa Pola and Alacant, sempre in Spagna, dello studio AS arquitectos .

Tra i progetti selezionati, infine, vi segnaliamo il francese R-Urban. Network of transition commons. ideato dall'Atelier d’architecture autogérée (aaa) in collaborazione con i cittadini di Colombes, nella regione dell'Ile di France. Il Network realizza hub temporanei in luoghi non utilizzati di diverse parti della città, nei quali i cittadini possano trovare spazi e strumenti per realizzare una transition community.

View post on imgur.com

Nella foto in copertina: Escaravox Madrid (Spain), 2014

<-- Torna al blog...